Mobili Fiver vince il prestigioso premio Campione della Crescita 2022. L’azienda del mobile italiana è una delle più dinamiche in Italia.

La Repubblica “Affari e Finanza”, e l’Istituto tedesco ITQF, hanno presentato la quarta edizione di Campioni della Crescita 2022.
Uno studio che seleziona ed analizza meticolosamente le aziende italiane in maggiore espansione economica: Mobili Fiver riceve il premio di Campione della Crescita e viene inserita nella classifica delle 400 imprese individuate per maggiore crescita di fatturato nel periodo 2016-2019.

Lo scopo della ricerca è quello di rendere omaggio a chi, grazie al proprio dinamismo, contribuisce a dare un nuovo impulso alla società ed all’economia del paese, nonostante il quadro economico molto complesso dell’emergenza sanitaria da Covid-19.

Per poter partecipare al prestigioso ranking, le aziende, che si sono candidate in oltre 25.000 mila, hanno dovuto rispettare criteri molto stringenti e fornire tutti i bilanci aziendali. La lista dei campioni è stata stilata in base alla crescita media annuale, il cosiddetto tasso annuo composto, anche noto come Compounded Average Growth Rate (CAGR). I dati sono stati forniti e confermati ufficialmente da un membro della direzione, o da un dipendente delegato, il tutto è stato poi elaborato dall’ITQF.

Rientrare tra i Campioni della Crescita 2022 è un prestigioso riconoscimento ed una concreta opportunità per dimostrare la propria capacità imprenditoriale: siamo estremamente orgogliosi del successo ottenuto.
Tutto ciò è stato reso possibile incanalando tutte le nostre energie per fornire risposte ai bisogni dei nostri clienti. Unendo professionalità, innovazione e strategia abbiamo dato vita a prodotti eccellenti che spiccano all’interno del mercato, non solo italiano ma anche europeo.

Grazie per aver creduto nelle nostre capacità.
Grazie per averci sostenuto e dato la possibilità di crescere e migliorarci di anno in anno.
Grazie per continuare a riporre la vostra fiducia in Mobili Fiver.

Questo premio lo dedichiamo a tutti voi.

All’interno di questo link è possibile leggere l’articolo integrale pubblicato da La Repubblica “Affari e Finanza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *